Index

Manutenzione & consigli

Noi mettiamo a disposizione un prodotto affidabile, robusto e di semplice impiego. Cionostante,
ed alfine di dare costantemente soddisfazione, esso richiede un minimo di cura.

O-Ring
Prima di richiudere la lampada verificare che gli O-Ring dinamici (quelli che si muovono) ed i loro seggi siano esenti di impurità (polver, sabbia, peli, fili o altro).
Durante le immersioni dei depositi d'acqua contenenti pure della terra, della sabbia e sopratutto del sale (immersioni marine), si formano all'esterno degli O-Ring. Per evitare che queste particelle cadano all'interno della lampada è consigliabile di procedere così: tenere la lampada verticalmente, la parte da aprire in basso, svitare di mezzo giro, l'O-Ring facente ancora tenuta, e lavare sotto un getto d'acqua pulita. Svitare, in seguito, completamente tenendo sempre l'apertura in giù. Asciugare la filettatura con della carta assorbente
o del panno pulito senza togliere il grasso che li si trova. Togliere periodicamente gli O-Ring, pulirli ed lubrificarli, come pure i loro seggi, con del grasso al silicone.
Diffidare dalle fodere di protezione: esse sono dei nidi per la sabbia e con l'invecchiamento si sfilacciano: rischi di entrate d'acqua!
Dopo un certo tempo di non impiego, l'apertura della lampada può rivelarsi ardua. Riscaldare la custodia, vicino alla parte da svitare, con un asciuga capelli durante due minuti e poi svitare.

Accumulatori
Controllare regolarmente lo stato della batteria.
Puô arrivare che, per inavvertenza, dell'acqua si trovi all'interno delle lampade. Ciò porta all'ossidazione dell'involucro metallico degli accumulatori che provoca, in seguito, delle fuori uscite d'acido con conseguenti danni alle elettroniche ed alle custodie.
Ecco due casi tipici durante le ricariche: sui battelli dove passano i sub con le mute e oggetti sgocciolanti, nelle cucine domestiche e nelle cantine delle ville che possono essere sature di umidità la quale si condensa, in seguito, negli ambienti più freddi.

Non esitare di far rimpiazzare le cellule quando invecchiano, durata d'illuminazione più breve, onde evitare delle fughe d'acido. Badare, pure, di non lasciarle scaricarsi totalmente durante il non impiego; una ricarica ogni tre mesi è consigliabile.
Durante i viaggi (vettura, nave, aereo) sarà prudente di separare gli accumulatori dalle lampadine e dai LED.

Utilizzare i caricatori forniti con le lampade. Un caricatore non adatto rovina gli accumulatori.